Guida alla Firma Digitale per Ubuntu Linux

Oggi voglio parlare di come installare la Firma Digitale su Ubuntu, che ormai è obbligatorio usarla per comunicare con la pubblica amministrazione e non solo.

Per poter firmare o autenticarsi con la nostra CNS (Carta Nazionale Servizzi) dobbiamo installare gli opportuni driver nel nostro computer. Con l’aiuto delle immagini possiamo individuare quale driver è opportuno installare

Ecco qui di seguito le immagini che possono avere

Chip Incard  Chip Incard Chip Oberthur  Chip Oberthur Chip Athena  Chip Athena

Per prima cosa apriamo il nostro terminale e diamo i seguenti comandi  :

apt-get install libccid
apt-get install pcscd

E’ tuttavia consigliabile installare anche i seguenti pacchetti:

apt-get install libusb-dev libusb++-0.1-4c2
apt-get install libpcsclite1
apt-get install libpcsclite-dev

Pacchetti facoltativi che ci torneranno utili solo per le verifiche sono:

apt-get install libpcsc-perl
apt-get install pcsc-tools

A questo punto la spia del lettore dovrebbe iniziare a lampeggiare, segno che tutto è andato bene. In ogni caso è bene controllare tramite il solito comando lsusb che il sistema lo abbia riconosciuto.

Ora passiamo all’installazione del middleware della smart card .

MINILECTOR30_LINUX

Ricordo che ogni smartcard ha il proprio middleware, che può differire non solo in base al produttore (es. Athena, InCard, Oberthur) ma anche in base al numero di serie della stessa.
Alcuni middleware sono disponibili nella sezione download di Aruba, e sono funzionanti anche per le smart card rilasciate da terzi
Potete conosce con esattezza il tipo di scheda accedendo a Dike-Util (fornito al corredo di DikeL) alla voce “verifica smart card”.
Vi rimando al sito del vostro gestore per il download del middleware esatto.
Ricordandovi di operare con i permessi di root, dovrete semplicemente copiare il file middleware (riconoscibile per l’estensione .so) nella cartella
</div>
<div>/usr/lib</div>
<div>
o a seconda della distribuzione di Linux
</div>
<div>/usr/local/lib</div>
<div>

Ultimo passaggio Configurazione browser Firefox

Passo 1: installazione certificato
Preliminaremente dovete procurarvi il certificato rilasciato dal gestore della vostra smart card.
Nel caso di smart card Infocert i certificati (.cert) sono scaricabili qui.
Andiamo su Preferenze, tabella Avanzate, scheda Certificati.
1

Premiamo il tasto Mostra Certificati (linguetta Autorità) e, dopo avere scompattato l’archivio contenente i certificati, selezioniamoli col tasto Importa.

2
All’atto del caricamento apparirà una schermata in cui vi si chiederà di spuntare tre caselle per consentire dei permessi. Spuntatele tutte.
Passo 2: configurazione middleware

Si tratta del passaggio più importante perché si tratterà di mettere in comunicazione Firefox con in driver della smartcard.

Ritorniamo nella schermata precedente, quella della schermata Avanzate, e andiamo su Dispositivi di Sicurezza.

3

Premiamo sulla destra il tasto Carica:
5

Potete mettere il nome modulo che più vi aggrada, mentre occorrerà selezionare correttamente il percorso del middleware precedentemente installato all’interno di /usr/lib/ (o /usr/local/lib a seconda della distribuzione Linux che avete).

Se al termine di questa operazione vi verrà chiesto di inserire la password ella vostra smart card vuol dire che la scheda è stata riconosciuta e potete navigare accedere ai siti come Equitalia, Aggenzia delle Entrate, INPS, INAIL, ecc…

Lascia un commento